Doppia seduta a Castelrotto, risentimento muscolare per Krafth

RS, 30/03/2017

Contro la Fiorentina prende quota il 3-5-2. Problema per Krafth in Nazionale, l’esterno è da valutare – Inizierà a stringersi da domani (oggi sarà giornata di riposo in casa rossoblù) il cerchio attorno all’undici che domenica scenderà in campo al Franchi per affrontare la Fiorentina. Anche ieri Donadoni ha provato il 3-5-2, modulo che vede dunque in crescita le proprie quotazioni, alternando in difesa Gastaldello, Maietta, Oikonomou e Torosidis. Helander e Krafth sono rientrati ieri sera dopo l’impegno con la Svezia, e in queste ore verranno valutate in particolare le condizioni dell’esterno destro, uscito al 67’ dell’amichevole con il Portogallo. «Gli occhi hanno iniziato a incrociarsi sempre di più – ha spiegato Krafth raccontando l’accaduto – e poi ho visto buio. Non ho capito cosa sia successo, non mi era mai accaduto. Ad un certo punto mi si è annebbiata la vista e non vedevo più nulla. Ora sto meglio, anche se sono un po’ intontito». Per lo staff sanitario svedese non sarebbe nulla di serio, Krafth avrebbe avuto un attacco di emicrania, ma nelle prossime ore anche i medici rossoblù lo valuteranno.
Nella seduta pomeridiana di ieri il convitato di pietra era Nikola Kalinic. Il vice di Donadoni, Luca Gotti, ha infatti tenuto un breve ma incisivo discorso alla squadra per spiegare i movimenti offensivi della punta viola: in particolare, nell’80% dei casi l’attaccante croato punta la porta e solo in poche occasioni fa da sponda e serve il pallone ai compagni.
Da domani ci saranno dunque due allenamenti a disposizione per varare la formazione che affronterà la squadra di Paulo Sousa, al termine di una settimana che per il Bologna è stata anche a forti tinte azzurre. Scendendo in campo contro l’Olanda, Simone Verdi è diventato il 52° giocatore del Bologna con almeno una presenza in Nazionale. Sul calendario c’è ora già segnato in rosso lo stage a Coverciano dal 10 al 12 aprile. Nel precedente stage dedicato ai giovani era presente anche Federico Di Francesco, e così potrebbe essere la prossima volta. Non solo: del gruppo potrebbe fare parte anche Adam Masina. Per ora i condizionali sono d’obbligo, Giampiero Ventura ne parlerà in questi giorni con il c.t. dell’Under 21 Gigi Di Biagio e naturalmente i giovani rossoblù dovranno meritarsi la convocazione convincendo sul campo. A quanto pare, allo staff azzurro non sarebbe dispiaciuto neppure vedere all’opera Luca Rizzo, purtroppo però condizionato dagli infortuni e dalla conseguente poca continuità in campo.
Resta infine confermato per sabato l’arrivo di Joey Saputo, che domenica sarà al Franchi e poi si fermerà qualche giorno a Bologna. Tanti i temi da affrontare e i colloqui che attendono il chairman con staff tecnico e dirigenza, da quelli legati al campo (come il possibile prolungamento del contratto di Roberto Donadoni e il futuro di Blerim Dzemaili) a quelli che riguardano le infrastrutture.