Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Primo allenamento per Gonzalez, Destro torna in gruppo

RS, 31/10/2016

Aspettando il verdetto su Verdi si prova a recuperare Destro. In 6 gare una svolta in negativo ‒ Quello di oggi in casa Bologna è un lunedì di riposo, in attesa della ripresa degli allenamenti fissata per domani, ma anche d’attesa per l’esito della risonanza magnetica a cui in queste ore si sottoporrà Simone Verdi per stabilire con esattezza entità e tempi di recupero dell’infortunio alla caviglia rimediato in occasione della gara contro la Fiorentina. Se non sarà necessario l’intervento chirurgico Verdi tornerà tra un paio di mesi, in caso contrario lo stop sarebbe naturalmente molto più lungo. Ecco perché, sul fronte infermeria, l’altro osservato speciale della settimana è Mattia Destro, il cui recupero diventa, se possibile, ancora più importante. Il numero 10 contro la Roma potrebbe esserci ma solo se non correrà rischi di ricadute o di guai più seri. Quanto il bomber sia importante nell’economia rossoblù lo dicono i numeri: sommando le assenze della scorsa stagione e di questo campionato, il Bologna non ha avuto Destro per 16 gare e ha vinto una sola volta (il 2-0 al Genoa dello scorso campionato).
In vista della gara con la Roma Donadoni dovrà quindi varare l’attacco ma dovrà anche ridisegnare la difesa, che sarà orfana di capitan Gastaldello (squalificato) e di Maietta (infortunato). Potrebbe toccare ad Helander e Oikonomou, ma la coppia è tutta da confermare non fosse altro che il greco non sembra ai primi posti nelle gerarchie di Donadoni e in più è comunque reduce da una botta alla coscia da cui ha rimediato in extremis per essere presente sabato scorso contro la Fiorentina. In crescita potrebbero così essere le quotazioni di Ferrari. E poi c’è il discorso sulle fasce, dove si conta di recuperare Torosidis per dotare la difesa di almeno un elemento d’esperienza, visti i tanti giovani. Il greco potrebbe essere in lizza, eventualmente, sia per la fascia destra che per quella sinistra. A proposito della fascia destra, da domani si inizierà a capire se potrà avere o meno un seguito la soluzione di Rizzo nel ruolo di terzino che il tecnico, in situazione d’emergenza, aveva testato contro la Fiorentina, e che tutto sommato non gli era dispiaciuta. Per quanto riguarda la mediana, domenica contro la Roma dovrebbe esserci il ritorno di Nagy dal primo minuto.
Analizzando il cammino del Bologna sembra emergere un prima e un dopo. Le prime 5 giornate avevano visto viaggiare la squadra alla media di 1,8 punti a gara, scesa a 0,66 nelle successive 6, chiuse con 4 pareggi e 2 sconfitte. 4 i gol segnati in questo lasso di tempo e 6 quelli subiti, per quattro volte i rossoblù sono andati in vantaggio e per altrettante volte sono stati raggiunti, non riuscendo invece mai a loro volta a rimontare nelle due occasioni in cui sono andati sotto. Delle ultime 6 partite, il Bologna ne ha giocate due in inferiorità numerica per più di un tempo: Genoa e Fiorentina in entrambe le occasioni per l’espulsione di Gastaldello. A proposito della situazione disciplinare: nelle prime 5 giornate il Bologna aveva rimediato 5 ammonizioni e 6 espulsioni che non avevano inciso sul risultato. Nelle successive 6 le ammonizioni sono state 15 e le espulsioni 2, che però sul risultato hanno influito eccome. In generale, è la seconda striscia senza vittorie dell’era Donadoni: lo scorso anno era successo dal 14 febbraio (vittoria a Udine) al 24 aprile (2-0 sul Genoa).
Infine, ieri Joey Saputo è tornato in Canada giusto in tempo per godersi il successo degli Impact per 1-0 su New York nella semifinale playoff della Eastern Conference, che ha visto andare a segno ancora una volta Mancosu. Il chairman tornerà a Bologna dopo la metà di novembre e poi a dicembre, in occasione degli auguri di Natale. Oltre al punto sulla questione stadio, si farà probabilmente il punto anche sul mercato, e potrebbero tornare d’attualità le richieste che Donadoni aveva già avanzato in estate, ovvero un centrale difensivo esperto e un attaccante in grado di giocare con o al posto di Destro e in grado di garantire gol. Si potrebbe guardare anche agli esterni, con il nome di Biabiany sempre caldo.