Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Corvino che se ne va è una sconfitta, solo Sabatini poteva renderla meno amara

Il primo colloquio giovedì, un lungo colloquio il giorno dopo. Corvino si è sfogato con Saputo, gli ha raccontato perché ormai doveva lasciare Bologna e soprattutto il Bologna, sentendosi come un separato in casa a Casteldebole. E quell’intesa anche dal punto di vista economico che per settimane e settimane non era stata trovata, di colpo Corvino l’ha raggiunta con il presidente. Che ha capito le sue motivazioni, e che se avesse potuto tornare indietro, probabilmente si sarebbe mosso in un altro modo.
Magari sarebbe finita così ugualmente, ma alla questione, o meglio alla querelle tra Corvino e gli altri abitanti del governo rossoblù, il chairman avrebbe anche potuto dare una differente interpretazione. Resta da capire se al di là dei perché che lo hanno portato a dire basta, Corvino abbia anche raccontato a Saputo quello che via via ha capito con il passare delle settimane, su quello che su di lui è stato detto ed è stato anche raccontato in giro.
Non vogliamo tornare su quanto successo, tanto chi ha voluto capire ormai lo ha capito e chi ancora non lo ha capito, non lo capirà più. Solo perché non vuole capirlo. Su alcuni punti la quadratura del cerchio è già arrivata, su altri arriverà più avanti. Vedi il settore giovanile che è uno di questi. Quando accadrà, capirete un altro dei motivi per i quali il d.s. di Vernole era ingombrante.
Chiuso un capitolo, aspettiamo di aprirne un altro. Detto che se hai Corvino non vai a sognare neanche Sabatini, va aggiunto che solo Sabatini poteva prendere il suo posto, con tutti gli altri il Bologna avrebbe fatto un terribile passo indietro. Perché anche nel calcio ci sono le categorie e le categorie non sono figlie delle simpatie o delle antipatie, di quanto uno è poco accomodante e di quanto uno è accondiscendente, le categorie sono figlie solo dei numeri. I numeri evidenziano sempre lo spessore del professionista, perché c’è l’arte del fare e l’arte del parlare, ma il calcio non è un aula di Tribunale, dove gli avvocati fabbricano le loro arringhe, solo con l’arte del fare puoi costruire calcio.
Noi tifavamo per l’arrivo di Sabatini, e volevamo sperare e credere che le sicurezze del Bologna avessero un fondamento. Perché se parlavi con dieci addetti ai lavori, otto ritenevano che Sabatini non sarebbe mai arrivato a Bologna. Chissà perché. Noi contavamo sulle assicurazioni che lo stesso Sabatini aveva dato a Fenucci e a Di Vaio nel corso dei due incontri di Milano. Ora, non è che Bigon non sia un bravo professionista, occorreva però una figura sulla quale nessuno potesse dire niente, perché Corvino che se ne va lascerà sempre un’ombra in tanta parte di Bologna, e nel caso Bigon non facesse bene, i capi del Bologna finirebbero sotto accusa. Ecco il motivo per il quale l’uomo mercato della Roma era fondamentale.
Ma ora fate attenzione, è arrivato Bigon, Bologna deve consentirgli di lavorare con serenità, di dimostrare quello che vale. Perché Bigon non deve pagare eventualmente le colpe di altri. Andrà giudicato per quello che farà, non perché ha preso il posto che era di Corvino e che poi doveva essere di Sabatini. Bigon è una grande persona e un grande professionista, uno che lavora da mattina a sera e che ha uno scouting importante. C’è da sperare che anche dentro il Bologna gli venga consentito di fare fino in fondo il responsabile della gestione sportiva. Il compito di Bigon dovrà essere quello di confrontarsi quotidianamente con l’allenatore e di rendere conto a Fenucci di quelle che sono le sue idee sul mercato.
Il club andrà bene se ciascuno lavorerà nel proprio orto, senza invadere quello dell’altro. Fenucci dovrà fare l’amministrativo, Donadoni l’allenatore e Bigon il direttore sportivo. Con Di Vaio che dovrà unire le varie componenti e fare il garante di Saputo.

© Riproduzione Riservata

0 Response

  1. Balbo

    Bigon
    I numeri parlano di un ottimo lavoro svolto a Napoli e un pessimo lavoro svolto a Verona, a Bologna si vedrà quest’anno ;non è una opinione ma una semplice constatazione dei fatti

  2. calderino

    FINO ALLA FINE FORZA BOLOGNA (tutto il resto è fuffa di giornalai maigoduti)

  3. Simaun

    Peccato per Corvino ma la differenza credo la faccia chi paga. Nessuno sa fare nozze con le lumache, tutti con soldi in mano possono far la differenza.

    1. fra1981

      Nessuno fa nozze con le lumache?
      Chievo, empoli, sassuolo?
      Poi non nominiamo nemmeno leicester e siviglia…
      Tutte squadre che hanno speso meno di noi… (per speso intendo la sottrazione fra entrate ed uscite derivante dalla compravendita dei giocatori).

      1. Simone Calligola

        Beh il Leicester ha spesso un sacco e ha un proprietario ricchissimo (come noi..). E in Italia non avrebbe mai vinto, ma è un’altra storia.
        http://www.calcio.com/squadre/leicester-city/2016/6/
        Il Chievo aveva una base già definita, ogni anno inserisce uno-due tasselli, Sassuolo idem, Empoli sono stati bravi con quello che avevano ma avevano già un gioco definito a differenza di noi.
        Siviglia ogni anno ha entrate-uscite per circa 100-120 mln di euro e comunque è la quarta città di Spagna, un po’ come Torino in Italia.
        Detto questo, con 30 milioni da spendere quasi ogni persona slogata qui saprebbe fare un bel Bologna, è da vedere se ci sono da spendere o se si utilizzeranno quelli di 2-3 cessioni. ❓

  4. biccio59

    Tutti volevano sabatini..perché la sua storia dice che è più bravo di Corvino.

  5. festinalente

    “Il club andrà bene se ciascuno lavorerà nel proprio orto, senza invadere quello dell’altro. Fenucci dovrà fare l’amministrativo, Donadoni l’allenatore e Bigon il direttore sportivo. Con Di Vaio che dovrà unire le varie componenti e fare il garante di Saputo.”
    Esatto. Bigon dovrà lavorare in autonomia senza farsi influenzare dall’allenatore, che ama troppo i vecchi e quelli che conosce già e dal rag. Fenucci che di calcio giocato ne capisce il giusto.
    Serva da lezione il mediocrissimo mercato di gennaio, non fatto da Corvino, molto simile all’ultimo di Guaraldi in serie A..
    Sarà meglio che i soldi di Saputo vengano spesi con investimenti su giovani promettenti piuttosto che su vecchie cariatidi.

  6. bondone

    A cosa porta questa guerra quotidiana? andiamo oltre, metti che arriviamo ottavi sesti dopo cosa sciviamo corvino bollito? Bigon con un po più di sapienza saremmo arrivati in Champions? ci vuole della calma secondo me, chi non ce l’ha tifi Juve…

  7. Lacca77

    Io sono con la società, Corvino non mi è mai piaciuto, e credo che Bigon, voluto anche da Donadoni, faccia bene essendo in completa sinergia col tecnico.

  8. fra1981

    Secondo me la cosa importante sarebbe lavorare con reciproca collaborazione e rispetto per i ruoli.
    Fenucci stabilisce il budget, donadoni fornisce il profilo dei giocatori desiderati e bigon acquista giocatori il più possibile somiglianti alle caratteristiche richieste stando dentro il budget prefissato.
    nessuno però si deve intromettere nel lavoro degli altri.
    Cioè…se ci sono 10 mln a disposizione per comprare 3 giocatori e bigon chiude per un terzino (per esempio) a 7 mln, nessuno (fenucci) si deve intromettere e stoppare la trattativa perché ritiene il prezzo troppo alto.
    Ovviamente poi dovrà essere bravo a prendere altri 2 giocatori con i restanti 3 mln.
    Invece purtroppo ho l’impressione che con corvino non sia andata proprio così…

  9. blackhope

    Chiedo scusa ma io sono uno di quelli che non ha capito perché Corvino si è sentito costretto a lasciare! Tante voci, tante illazioni, la versione di Fenucci, ma alla fine perché se ne va nessuno lo ha detto o scritto chiaramente. Anche in questo articolo si allude a cose, a fatti, a chiacchiere, …….ma chi come me non le conosce come deve fare? FORZA BOLOGNA SEMPRE!

    1. dans

      Sono d’accordo! Beneforti prima scrive che un giorno si capiranno le cose, poi dice che chi voleva capire ha già capito, e gli altri non vogliono capire. Bah? Se spiegasse come sono andate le cose farebbe meglio il suo lavoro di giornalista. Il problema è che non lo sa nemmeno lui, e lo maschera facendo finta di saperla lunga e intanto non dice nulla di nuovo. Se ha materiale lo pubblichi, altrimenti eviti, per favore… valutiamo Bigon per quello che farà nei prossimi 3 mesi, dire oggi che solo Sabatini poteva sostituire Corvino è assurdo. I vari Carli (Empoli) e Angelozzi (Sassuolo) sono semi-sconosciuti eppure sono state le rivelazioni della serie A. E Bigon non è certo sconosciuto, tra gli altri ha portato Higuain a Napoli, per dire…

  10. raf60

    I club con una valida struttura economica passano indenni da cambi di dirigenti,ds e allenatori per il fatto che non si trovano mai con l’acqua alla gola e quindi quando vendono o comprano lo fanno quando ritengono sia il momento per farlo e non per sopravvivere.I ds e allenatori hanno sempre un periodo limitato nei vari club e sono sostituiti frequentemente.In un progetto di 10 anni come quello del bfc attuale vedremo arrivare e partire oltre i giocatori anche vari ds e allenatori.Inutile affezionarsi troppo a tecnici,giocatori e ds perchè ne passeranno tanti.

    1. pasusu

      torno sull’argomento per l’ultima volta, anche perché’ poi si diventa logorroici e non va bene.

      qui’ non si tratta di u avvicendamento tecnico, tattico o altro. ma, da quello che ho capito e spero di sbagliarmi, di una guerra interna tra manager per l’accaparramento di posizioni e ruoli, personalissimo e che non porta benefici al bfc se non alle persone che l’hanno vinta. oltretutto guerra premeditata gia’ in partenza e non frutto di scazzi del momento.

      siccome certe situazioni a me personalmente non piacciono per niente, anzi mi fanno orrore, faccio un mio personalissimo sciopero (del sito e del tifo) finche’ o non avrò’ la conferma che sto sbagliando di brutto nei giudizi, o certe situazioni cambiano.

      continuerò’ a leggere suol bologna, a interessarmene, ma smetto di scrivere e partecipare.

      1. dalfiume

        Condivido tutto,ma non il tuo desiderio di tacere:non farlo perchè dell’opinione delle persone intelligenti c’è sempre piu’ bisogno!!
        FBSEC

      2. Colas

        Non e’ che ho il vizio di condividere Pasusu ma voglio rinforzare quanto lui sostiene avendo gia’ commentato “il caso Corvino”.
        La cosa importante e’ che qui non si e’tratta di una cambio tecnico nella societa’ bensì una vera e propia guerra e azione politica all’interno della gestione di una “nuova” societa’calcistica molto ricca . Azione poilitica, a mio avviso, tesa a portare il Bologna di Saputo sotto il controllo di lobby che gestiscono questo grosso affare che e’ il calcio in Italia.
        Bologna di Saputo che ha posto non solo le basi per una gestione tecnica ed economica “alternativa” ma anche ha proposto una distribuzione diversa degli soldi delle TV. Quindi ricca ma perturbante.
        Purtoppo, penso, questo cambio avra’ grosse ripercussioni soprtattutto sulla gestione del parco giovani giovanissimi che con Corvino e’ ritornato al Viareggio e con la squadra di Magnani che e’in lizza per il torneo a 8 (Forza ragazzi!!)
        La societa’ non mi e’ piaciuta, ci promise trasparenza ma sia con Taco che con Corvino, non si e’ vista e professionalmente sembra molto poco anglosassone.
        Da ultimo, questo pezzo di Beneforti era gia’ uscito quando si era dentro la querelle ora e’ tornato fuori…strano!!

        E solidarizzo con Pasusu condividendo il suo sciopero.

        1. Rimineserossoblu

          A proposito del lavoro di Corvino, segnatevi questo nome: Nasif Djibril.
          E’ di proprietà del Cittadella ma Corvino lo ha preso in prova e gioca in prestito a Bologna negli allievi di Magnani. Ha già fatto 17 gol. Spero che con sto casino in Società non ci si dimentichi di esercitare l’opzione d’acquisto. E’ già successo in passato e mi tirerebbe il culo andasse a finire a Firenze
          http://www.lagiovaneitalia.net/speciale-la-giovane-b-italia-nasif-djibril-la-nuova-italia-avanza-tra-drogba-e-immobile/

      3. sturmtruppen

        Scusa Pasusu, non capisco che c’entri il Forum con le vicende Societarie del Bologna..perché e come se tu ti arrabbi se il Bologna gioca male..però alla domenica allo stadio ci vai ugualmente…non ti pare un controsenso??

    2. paolo68

      Stavolta 10+ a RAF60, Beneforti che io stimo, stavolta voto 1.L’ ABC del calcio e’ quello che ha scritto raf60, nulla da scoprire o inventare.

  11. Woody

    Corvino a Bologna ha fatto grandi cose e pure qualche cantonata..
    Diawara e Giak fra le prime, Crisetig e Pulgar le seconde.
    Per non parlare dei bidoni di Gennaio.. ( ma Sansone dello scorso anno avrebbe fatto tanto peggio di Floccari??)
    Non è sicuramente stato un cattivo ds, ma nemmeno infallibile.
    Bigon sulla carta pare meno capace, ma non credo che sia poi tanto inferiore.
    La sintonia con Donadoni pare una buona premessa verso una brillante avventura a Bologna.
    Se i fatti mi smentiranno sarò il primo a fare mea culpa.

    1. blackhope

      Pulgar è comunque convocato dalla sua Nazionale e non ha avuto molto spazio. Quanto a Floccari sembra che lo volesse fortemente il Mister. Se ricordi si parlava di un argentino, tal Calleri, soffiato all’Inter. Poi magari era peggio di Floccari. Ma vai a saperlo. FORZA BOLOGNA SEMPRE!

      1. Rimineserossoblu

        Calleri potrebbe essere peggio di Floccari ma pare lo stia ora trattando il Tottenham, vice campione d’Inghilterra, per la modica cifra di 15M. A gennaio ne servivano circa 5

    2. campiuno73

      A parte che non capisco perchè devi fare mea culpa quando chi elargisce catastrofi continuamente non lo fa mai… salvo dire “l’avevo detto!” quando ci becca una volta su DIECI.

      Io concordo in pieno con te, Corvino è probabilmente il N.1 ma in una squadra è meglio avere tutti che remano dalla stessa parte che il solista (alla Ibra) che va per i fatti suoi. Certo, magari ti tira fuori il numero risolutore (Diawara?), ma sul lungo termine?

      Perchè deve essere per forza una scelta sbagliata?

      Ma almeno vediamo come va no?

      1. Woody

        Perché ad esporsi si prende un rischio:
        Ho sempre sostenuto acquafresh ed ahimè ho cannato di brutto..
        Ho dato contro a Rossi da subito e credo che i fatti mi abbiano dato ragione..
        Su Corvino ho un’idea vaga..
        Mi chiedo se alla rube ci sono tante figure come da noi? So che è argomento spinoso, ma per quanto disgraziatamente antipatici, sono bravi ed efficienti come pochi altri in Italia. Da loro c’è un alter ego di Fenucci e Di Vaio? Io sento del presidente Agnelli, di Marotta, e di Allegri..
        Non è che da noi l’orchestra è troppo ridondante e non si riesce a coordinarla??

  12. campiuno73

    E va bene, solita ventata di ottimismo dei giornalisti bolognesi, conservatori fino alla nausea…
    Non capisco perchè dovrebbe essere una sconfitta, ma tant’è. Siamo già retrocessi (come ormai consueto nelle ultime 30 stagioni)?
    Corvino a me è piaciuto molto, e penso avrebbe portato altri benefici al BFC, ma da qui a celebrare già il nostro funerale… boh…
    Si può non concordare sulla scelta (io per primo), ma questo continuo celebrare il nostro funerale ha francamente rotto… Poi se le cose andranno bene, oplà, salto triplo e tutti sul carro, come già capitato questa stagione.
    Finora questa società ha deluso, sig. Beneforti? Quanti obiettivi che si era prefissata sono stati mancati?
    Puntualmente ogni estate si prevedono catastrofi, ogni tanto poi capita e allora “io l’avevo detto!”…
    Lo ripeterò fino alla noia: un pò di fiducia questa soceità non se la merita proprio?

  13. rossobluamodomio

    Evidentemente negli anni in cui Corvino non ha lavorato come DS le società hanno portato i libri in tribunale , perchè pare proprio che il calcio senza Corvino non possa esistere…..Mi chiedo soprattutto perchè le big italiane, anzichè affidarsi ai vari Marotta , Ausilio , Sabatini etc non abbiano chiesto tutte la collaborazione del Sig. Corvino……. A Bologna , come spiegato chiaramente in diretta tv da Fenucci , unico portavoce di Saputo in Italia , non c’erano più i presupposti per continuare il rapporto di lavoro. Punto!!!!!!
    Il voler continuare a soffermarsi su questi discorsi sostenendo un determinato tipo di tesi , evidenzia ancora di più il contenuto di questo articolo e dove vuole andare a parare …Amicizia e professione dovrebbero rimanere separate invece……
    Onestamente e con tutto il rispetto per il giornalista Beneforti , di questi articoli possiamo farne tranquillamente a meno……capisco che al momento non c’è molta carne al fuoco..però scrivere qualcosa per forza non mi pare produttivo…Corvino non c’è più , appartiene al passato….Cerchiamo di voltare tutti pagine e lasciare i rancori dietro le spalle…Non servono a nulla…

    1. Rimineserossoblu

      Ti chiedi perchè le big italiane abbiano fatto a meno di Corvino? Forse perchè Inter, Roma, gobbi hanno già un’area tecnica super organizzata, con scout che monitorano tutto il mondo, con settori giovanili che da anni vincono titoli e producono giocatori professionisti. Corvino, come Pierpaolo Marino o Sartori son invece direttori che vanno bene per quelle Società che trovandosi in situazioni disastrose sotto il profilo organizzativo (dell’area tecnica) devono partire da zero. Giudicare corvino limitatamente al lavoro fatto per la prima squadra significa, non è rivolto a te, non aver capito niente

  14. gaston

    mi sembra che il sito cominci ad andare bene.
    un’ultima richiesta: possiamo togliere…Leggi tutto?

  15. tifoso rossoblu

    Vorrei fare un ultima considerazione. è più importante l’amministratore delegato o il direttore tecnico? Penso solo che sia più facile trovare un amministratore che non un esperto di calcio mercato.

    1. Rimineserossoblu

      Ma se il Direttore tecnico vuol tornarsene a Firenze, come facciamo? lo chiudiamo a chiave nel suo ufficio a Castelbole senza farlo più uscire?
      Stimo tantissimo Corvino, reputo una fortuna il periodo che ha lavorato per noi, ma per andar d’accordo bisogna essere in due e Saputo ha provato fino all’ultimo a salvare capra e cavoli

  16. husky56

    Dr. Beneforti, concordo su tutto tranne sul fatto che se mr. Saputo potesse tornare indietro si comporterebbe diversamente. A mio parere Mr. Saputo ha dovuto fare buon viso a cattivo gioco. Se avesse fatto la scelta opposta, se cioè avesse tenuto Corvino ed allontanato l’A.D. il giorno dopo tutta la stampa romana si sarebbe scagliata contro il bologna fc. In un monento in cui, per giunta, la squadra zoppicava terribilmente..e questo avrebbe destabilizzatto l’ambiente in modo estremamente preoccupante

  17. elnino

    Io penso che Fenucci si dovrà prendere tutte le sue responsabilità sulla cacciata di Corvino in primis di fronte a Saputo e poi anche verso noi tifosi. Spero per il bene del Bologna che Bigon al quale và il mio in bocca al lupo,possa essere messo nelle condizioni migliori per lavorare cosa che non è stata consentita al Corvo! Sempre forza Bologna

  18. bondone

    Come diceva il proff ieri sera ( adelmoparis) carta canta…
    Wikipedia dice che…
    Bigon dal 7/10/2009 è stato DS del Napoli che riporta in Champions e con cui vince due volte la coppa Italia e una supercoppa italiana…

    Corvino…
    Va alla fiorentina tre volte il quattro posto una semifinale di coppa Italia un ottavo di Champions…

    Chiedo?
    Alla fine della fiera chi ha vinto di più?

    1. Rimineserossoblu

      Il ragionamento sarebbe: chi ha vinto di più è migliore? Applicato ad uno sport di squadra? Quindi Fabio Grosso, per dirne uno a caso, meglio di Totti. Anche Padoin ha vinto più di Totti.
      Lo so che hai fatto un paradosso ma scommetto che ci sarà chi ci crede 🙂

  19. bondone

    Fatevi un giro nel nuovo sito del BFC clemej e state sereni che la Juve ha vinto cinque scudi senza Pantaleo…

  20. nico

    Con tutto il rispetto per Pantaleo,che reputo già da tempi non sospetti,un grandissimo ds,sembra che sia stato lui ad aver inventato il gioco del calcio!!
    E io che pensavo invece lo avesse inventato Caressa ,quello di sky!! 😀

  21. nico

    Dai che scherzo!!oramai il buon Corvo se ne è andato…e dispiace a tutti che non sia rimasto,io con voi,ma la società ha deciso di cambiare.solo il tempo ci dirà se e’ stata una scelta sbagliata oppure no.
    Io ho fiducia nella proprietà e se si è giunti a questo passo,avranno avuto le loro ragioni.
    Abbiamo perso un grandissimo professionista come Pantaleo e acquistato un discreto ds,forse più funzionale al progetto tecnico che ha in mente Joey Saputo.
    Aspettiamo come andrà.il tempo è sempre galantuomo,come dico spesso!
    Se Bigon si rivelerà una disgrazia sarò il primo a fare mea culpa e il primo a criticarlo!
    Ma ora dobbiamo solo aspettare..di tempo ne avremo per criticarlo se farà male!!
    Ciao a tutti!!

    1. alex0206

      Una disgrazia non credo, certo che Corvino e Sabatini sulla carta sono di altro livello. Resto delle mie idee: Corvino in rotta per i tagli al budget 2016/2017, Sabatini una roba da scherzi a parte. Detto ciò ora c’è Bigon per cui W Bigon.

  22. mangone n.1

    Ogni giorno qualcuno si alza e sa che dovrà buttare merda sul l’attuale ad, ds, team manager del Bfc. Ogni giorno gli stessi si alzano e sanno che dovranno fare le vedove. Non importa che rimpiangano Corvino, Fusco, Salvatori, Zanetti…l’importante è fare le vedove
    Forza Joey forza Claudio e forza Bigon!!

  23. Tum

    Il problema è che con Corvino se ne va’ anche l’utopia tacopiniana, a cui come tanti boccaloni abbiamo creduto, cioè che il Bologna potesse tornare prima o poi a sognare di vincere un campionato.

    1. husky56

      No, al contrario. Subisce uno stop la visione del calcio propria di mr. Saputo. Guarda se al ritorno da Montreal vi fossero delle azioni forti non mi meraviglierei più di tanto….

  24. diabolik

    L’importante è che ci sia Saputo, i dipendenti si sa vanno e vengono, succede in qualsiasi azienda, perciò non meravigliamoci se succede anche nel Bologna.

    1. Rimineserossoblu

      Mi sa che confondi i dipendenti e i dirigenti d’azienda con i clienti della coop; quelli si che vanno e vengono 🙂

        1. sturmtruppen

          Yaphelk8,per tua conoscenza I censori (Moderatori ) intervengono moderando quando scrivete offese o denigrazioni varie e omofobiche tali da rischiare una querela per il Forum,se non scrivi nulla di ciò puoi stare tranquillo che nessuno ti cancella il post….

          Un Censore