Dzemaili-Bologna, stavolta sarà addio: il capitano ad un passo dallo Shenzhen di Donadoni

Dzemaili: “Non è con un pari che rendiamo felice il mister, dobbiamo tornare il Bologna dell’anno scorso”

Nonostante il suo splendido gol al 95’ abbia regalato al Bologna un pareggio ormai insperato, Blerim Dzemaili non è per nulla soddisfatto della prestazione offerta oggi dalla squadra contro il Parma. Al suo arrivo in mixed zone il capitano rossoblù si è espresso così:

Bologna, che ti è successo? «A inizio stagione avevamo altri obiettivi, non l’Europa League ma senza dubbio essere la stessa squadra vista nel girone di ritorno dell’anno scorso. Non ci stiamo riuscendo, pecchiamo di disattenzione e non possiamo certo essere soddisfatti del punto di oggi».

Troppi gol subiti «Prendiamo troppi gol, oggi eravamo in casa contro una diretta rivale come il Parma e ne abbiamo presi due, non va bene. E sia chiaro, non è solo colpa della difesa, ma dell’intero collettivo. Vorrei che questa squadra ritrovasse l’aggressività dell’anno scorso».

La tirata d’orecchie di Sinisa «Il mister è stato chiaro, ci ha detto che la sua assenza non può essere un alibi e che non ci avrebbe fatto i complimenti per un pareggio. Alla fine non era felice, mentre il nostro compito è renderlo tale, per cui dobbiamo fare meglio».

Il capitano è tornato «Ho ricominciato a giocare bene contro la Sampdoria e oggi ho finalmente ritrovato un gol che mi mancava da tanto tempo».

Foto: Damiano Fiorentini