Mihajlovic:

Mihajlovic: “Anche oggi la prestazione c’è stata. Ci prendiamo le critiche e restiamo uniti, continuando così i risultati arriveranno”

Di seguito, suddivise per argomenti principali, le dichiarazioni rilasciate prima ai microfoni di DAZN e poi in conferenza stampa dal tecnico rossoblù Sinisa Mihajlovic al termine di Lazio-Bologna 2-1.

Solito copione – «Da tre partite ripetiamo le stesse cose, giochiamo meglio dei nostri avversari ma torniamo a casa con zero punti. Mi dispiace per i ragazzi perché danno sempre tutto e al primo errore vengono puniti: la Lazio ha fatto due gol con un tiro e mezzo. Siamo anche sfigati, però la fortuna dobbiamo guadagnarcela. Preoccupato? Lo sarei di più se queste gare le avessimo giocate male, non dobbiamo perdere la fiducia: continuando così i risultati arriveranno».

Quando il gioco si fa duro… – «Adesso dobbiamo stringere i denti, è il momento di tirare fuori gli attributi continuando a lavorare come facciamo, consapevoli che per prenderci i punti serve dare qualcosa in più. Abbiamo la nostra mentalità e andiamo per la nostra strada, la prestazione in queste prime cinque giornate c’è sempre stata: anche oggi non abbiamo subito quasi niente e nel contempo siamo stati propositivi. I ragazzi sono motivati, devono solo cercare di essere più rabbiosi, orgogliosi e convinti in quello che devono fare. Il campionato è lungo e alla fine il lavoro paga sempre, ora ci prendiamo le critiche e restiamo uniti: servono calma e serenità, non bisogna farsi prendere dal panico».

Diciotto tiri, un solo gol – «Il gol o ce l’hai o non ce l’hai, e noi non abbiamo tanti giocatori con il gol nel sangue. Però ci alleniamo bene, continuiamo a lavorare per crescere anche sotto questo aspetto, senza mai perdere fiducia».

Tanti giovani in campo – «Occorre pazienza e gli va data fiducia, cercando di farli crescere anche attraverso queste partite. Sappiamo che possono esserci alti e bassi, ma in realtà noi abbiamo sempre giocato bene fin qui. Ci è mancata un po’ di cattiveria davanti alla porta e un po’ di cattiveria nel difendere la porta: prendiamo sempre gol in superiorità numerica…».

Foto: Getty Images