Mihajlovic:

Mihajlovic: “Chiediamo scusa ai tifosi e alla società, c’è da vergognarsi. Ora le cose sono chiare, se vogliamo l’Europa bisogna cambiare”

Di seguito, suddivise per argomenti principali, le dichiarazioni rilasciate ai microfoni di DAZN e al sito ufficiale del Bologna da Sinisa Mihajlovic subito dopo il match di San Siro contro il Milan, che ha travolto i rossoblù 5-1.

Risposte negative in chiave futura – «Non è una partita difficile da commentare, anzi, è semplicissimo: quando perdi 5-1 prendi le critiche e stai zitto. Chiediamo scusa ai tifosi e alla società, c’è da vergognarsi. Quello che dovevo vedere l’ho visto, in vista del prossimo campionato dobbiamo fare delle scelte e decidere cosa fare da grandi: se vogliamo rimanere a metà classifica allora va bene così, invece se vogliamo l’Europa c’è da cambiare, e dopo questa partita direi che le cose sono chiare».

Lezione da imparare – «Se vogliamo davvero migliorare e crescere dobbiamo cambiare atteggiamento mentale: bisogna gestire meglio le emozioni in campo, avere più fiducia ed essere più sereni. Non abbiamo continuità, ma è normale perché in rosa ci sono tanti ragazzi giovani. Spesso quando va tutto bene si riflette poco, mentre quando le cose non vanno bene si cresce cercando di capire perché è andata così».

Solite lacune – «Oggi non c’era partita, si è capito subito, quando non siamo al 100% o cambiamo qualche pedina importante diventiamo un’altra squadra: siamo questi. Adesso mancano quattro partite e non dobbiamo fare altre brutte figure. Ibrahimovic? Abbiamo parlato delle famiglie, noi non parliamo di calcio. Se potrebbe servire per le nostre ambizioni? Non si sente bene l’audio… (sorride, ndr)».

Foto: Imago Images