Il Bologna Primavera si complica la vita ma reagisce alla grande: Vicenza piegato 4-2 ai rigori, rossoblù avanti in TIM Cup

Il Bologna Primavera si complica la vita ma reagisce alla grande: Vicenza piegato 4-2 ai rigori, rossoblù avanti in TIM Cup

Fatica, paura, riscatto e gioia finale per il Bologna Primavera, che questo pomeriggio al centro sportivo Biavati ha sconfitto ai rigori i pari età del Vicenza nel secondo turno eliminatorio di TIM Cup. Sembrava tutto facile, in seguito alla rete del vantaggio realizzata dal difensore classe 2004 Motolese al 14′ (tap-in dopo parata di Ruggiu su Acampora), ma gli ospiti non hanno mai mollato nemmeno un centimetro e sono riusciti a ribaltare di netto l’incontro: al 26′ colpo di punta di Diomande da centro area che non ha lasciato scampo a Prisco, al 32′ incornata vincente di Spiller su cross di Firulesko, e al 52′ stoccata al volo di Talarico a tu per tu col portiere rossoblù. Sul risultato di 1-3 si sono allora rivelati decisivi i cambi effettuati da Zauri, in particolare gli ingressi di Rabbi e Ruffo Luci: al 69′ l’attaccante si è procurato un penalty e il capitano lo ha trasformato per il 2-3. Dopo un paio di salvataggi di Prisco, all’82’ proprio Rabbi ha trovato il gol del pareggio (il primo dopo un oltre un anno, tra un brutto infortunio e il successivo lockdown), sfruttando un brutto errore dell’estremo difensore vicentino Ruggiu, bravo però in seguito ad opporsi su Alessandro Pietrelli.
Superato – con merito – lo spavento e portata la gara ai supplementari, in avvio i felsinei hanno sfiorato il poker con un tiro ancora di Rabbi terminato alto di un soffio, rischiando poi di capitolare al 97′ su una staffilata di Grancara che si è stampata sul palo. Il secondo tempo ha regalato meno emozioni, e si è così arrivati fino ai calci di rigore, dominati da Prisco: il portiere rossoblù, vice di Molla, ha infatti neutralizzato le conclusioni dagli undici metri di Grancara e Rocco, mentre i suoi compagni si sono dimostrati infallibili, andando a segno quattro volte su quattro. Con molta più sofferenza del previsto, ma anche con tanto cuore: alla fine l’ha spuntata il Bologna.

BOLOGNA-CHIEVO 3-3 (4-2 d.c.r)

BOLOGNA (4-3-3): Prisco; Cavina, Cudini, Motolese, Acampora; Pietrelli R. (58′ Ruffo Luci), Grieco (84′ Farinelli), Sigurpalsson; Cossalter (58′ Rocchi), Pagliuca (46′ Rabbi), Paananen (46′ Pietrelli A.).
All.: Zauri

VICENZA (4-3-3): Ruggiu, Firulesko, Cinel, Rocco, Sandon (71′ Liotto); Diomande, Tronchin (61′ Giacobbo), Talarico (108′ Fighera); Cester, Spiller (60′ Cariolato), Ongaro (72′ Grancara).
All.: Simeoni

Arbitro: Andreano di Prato
Ammoniti: Acampora, Pietrelli A., Rocchi (B), Diomande, Sandon (V)
Espulsi:
Marcatori: 14′ Motolese (B), 26′ Diomande (V), 32′ Spiller (V), 52′ Talarico (V), 69′ rig. Ruffo Luci (B), 82′ Rabbi (B)
Sequenza rigori: Firulesko (gol), Ruffo Luci (gol), Grancara (parato), Farinelli (gol), Rocco (parato), Cudini (gol), Cester (gol), Rocchi (gol)

© Riproduzione Riservata

Foto: bolognafc.it