Zauri:

Zauri: “Finalmente si riparte, con l’Empoli gara tosta. Soddisfatto per l’esordio in A di alcuni ragazzi, il Bologna sta costruendo qualcosa di importante”

Questo pomeriggio Luciano Zauri, tecnico del Bologna Primavera, è stato intervistato da Bfc Tv a Casteldebole in vista della ripresa del campionato, che venerdì alle 15 vedrà i rossoblù impegnati sul campo dell’Empoli. Ecco le dichiarazioni del mister:

Un bel segnale – «Dopo mesi passati ad allenarci, finalmente venerdì riprendiamo il nostro campionato. È un buon segno, indica che qualcosa in Italia sta cambiando e la situazione sta migliorando».

Si torna in campo – «Allenarsi senza l’obiettivo settimanale della partita è stato diverso, abbiamo però avuto la fortuna di poterlo fare nel bellissimo centro tecnico di Casteldebole, quindi dal punto di vista del lavoro svolto non è cambiato granché. Abbiamo cercato di mantenere la settimana di lavoro standard, ora siamo desiderosi di riprendere bene e di raccogliere i frutti di quanto seminato in questi mesi».

Vergani è pronto – «Edoardo ha faticato molto dall’inizio della stagione per mille motivi, tra cui un infortunio. Ha tanta voglia di fare, è un talento non solo del Bologna ma del calcio italiano, noi lo aspettiamo e siamo sicuri che tornerà ai suoi livelli».

Un capitano ai box… – «Faccio anche qui il mio in bocca al lupo a capitan Ruffo Luci, che ha rimediato un infortunio pesante, purtroppo nel calcio può succedere. Era stato fondamentale nella prima parte del campionato, e noi tutti gli auguriamo di poter tornare presto in gruppo».

…e uno in ascesa – «In sua assenza la fascia andrà a Rabbi, che però non ne aveva bisogno per legittimare il suo ruolo: Simone era già prima una presenza molto importante all’interno della squadra, e uno di quelli che in campo danno sempre il massimo».

Crescita benaugurante – «I ragazzi che hanno trovato posto in panchina in Prima Squadra, o addirittura hanno debuttato in Serie A, hanno avuto la possibilità di crescere e si sono tolti una grandissima soddisfazione. Il loro esordio è un premio anche per il Bologna, e la testimonianza della bontà del lavoro svolto negli anni. Ora è tutto in mano a loro: arrivare tra i grandi e poi tornare in Primavera, se vissuto senza l’intelligenza giusta, è un salto che si rischia di pagare, ma noi siamo qui anche per aiutarli da questo punto di vista».

I prossimi avversari – «L’Empoli è una squadra molto ben allenata e organizzata, giocano in campo sintetico non particolarmente grande e hanno elementi molto bravi. Sarà una partita tosta e vivace, ma noi scenderemo in campo puntando alla vittoria, come abbiamo sempre fatto».