Bologna, 1-1 col Torino al Dall'Ara per salutare il campionato: Zaza risponde a Svanberg, rossoblù al 12° posto

Bologna, 1-1 col Torino al Dall’Ara per salutare il campionato: Zaza risponde a Svanberg, rossoblù al 12° posto

Quarantatre giorni dopo la ripresa della Serie A, Bologna e Torino si sfidano al Dall’Ara per salutare degnamente questo anomalo campionato, cercando di migliorare leggermente la loro classifica e di guardare con ottimismo verso la prossima stagione. Mihajlovic, senza mezza difesa, arretra Medel al fianco di Danilo e affida a Schouten le chiavi della mediana, con Svanberg e Soriano a completare il centrocampo e il talentino Juwara insieme a Barrow e Palacio in avanti. Sul versante opposto Longo, privo di cinque potenziali titolari, prosegue nel solco del 3-4-3 e regala una chance da titolare al secondo portiere Rosati, con il grande ex Verdi e Zaza a completare il tridente offensivo guidato da capitan Belotti. Ad aprire la serata un toccante minuto di silenzio per le vittime del 2 agosto 1980, a quarant’anni dalla strage alla stazione ferroviaria.
Il primo squillo è di marca granata, con Zaza che impatta di testa un traversone di Berenguer ma non crea problemi a Skorupski, poi al 5′ Svanberg spreca un perfetto assist a rimorchio di Soriano calciando alto da buona posizione. All’11 Verdi si esibisce in una punizione da lontanissimo, trovando la presa sicura del portiere felsineo, e al 15′ anche Barrow ci prova da piazzato, ma Rosati è bravissimo a smanacciare in corner. Si arriva così al 18′, quando il Bologna passa in vantaggio: guizzo di Juwara sulla destra, palla per Soriano, tocco in spaccata per l’accorrente Svanberg e piattone nel sacco dello svedese, al primo gol in maglia rossoblù.
Di lì a poco sia Juwara che lo stesso Svanberg avrebbero la possibilità di raddoppiare, ma le loro velenose conclusioni vengono contrate dalla difesa granata, quindi fra il 34′ e il 35′ ancora Verdi, il migliore dei suoi, impegna due volte Skorupski dal limite. Nel finale, dopo un tiro-cross di Belotti che per un soffio Zaza non riesce a deviare in rete, ecco altre due tentativi di Barrow neutralizzati da Rosati, al 46′ di nuovo su punizione e al 49′ da appena dentro l’area.
Si va al riposo sull’1-0, e nell’intervallo Mihajlovic sostituisce l’acciaccato Palacio con Sansone e, un po’ a sorpresa, Barrow con Santander. Al 4′ è proprio ‘El Ropero’ che serve Juwara in profondità, ma il destro in scivolata del gambiano termina sul corpo di Rosati, poi una fase piuttosto anonima del match culmina al 20′ in una botta di Berenguer quasi dalla linea di fondo murata in angolo da Skorupski. I ragazzi di Sinisa sembrano in piano controllo della situazione, ma al 21′ ecco la giocata che regala la parità agli ospiti: lancio lungo di Verdi per Zaza, splendida volée in corsa del numero 11 e palla nell’angolino. La reazione dei padroni di casa, che nel frattempo inseriscono anche Baldursson e Dominguez per Schouten e Svanberg, arriva al 27′ con Santander, che controlla un preciso suggerimento di Sansone e scarica verso la porta una gran rasoiata mancina che esce di nulla.
Toro ancora pericoloso al 33′, quando serve una tempestiva uscita bassa di Skorupski per sbarrare la strada a Zaza, mentre i felsinei si disimpegnano in un interminabile possesso palla che non genera grossi grattacapi agli avversari. In pieno recupero Belotti spaventa Skorupski con un sinistro da distanza ravvicinata, quindi il triplice fischio di Di Martino mette la parola fine sul campionato delle due squadre. Per il Bologna 47 punti, tre in più del 2019, e un dodicesimo posto che peggiora di due gradini il precedente piazzamento. Si poteva fare meglio, certo, ma con tutto quello che è capitato anche molto peggio. Tutto sommato, per quest’anno, va bene così.

BOLOGNA-TORINO 1-1

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; Mbaye, Danilo, Medel, Denswil; Schouten (27′ st Dominguez), Svanberg (27′ st Baldursson); Juwara (32′ st Skov Olsen), Soriano, Barrow (1′ st Sansone); Palacio (1′ st Santander).
A disp.: Da Costa, Sarr, Bonini, Corbo, Poli, Cangiano, Orsolini.
All.: Mihajlovic

TORINO (3-4-3): Rosati; Izzo (31′ st Nkoulou), Djidji (47′ Celesia), Bremer; Berenguer, Rincon, Lukic, Andaldi (5′ st Aina); Verdi, Belotti, Zaza.
A disp.: Sirigu, Ujkani, Enrici, Ghazoini, Adopo, Greco, Onisa, Sandri, Edera.
All.: Longo

Arbitro: Di Martino di Teramo
Ammoniti: 46′ pt Ansaldi (T), 10′ st Rincon (T), 15′ st Berenguer (T), 31′ st Santander (B), 35′ st Soriano (B), 40′ st Medel (B)
Espulsi:
Marcatori: 18′ pt Svanberg (B), 21′ st Zaza (T)
Recupero: 4′ pt, 3′ st

Simone Minghinelli

© Riproduzione Riservata

Foto: Imago Images