Dominguez il migliore, bene anche Aebischer. Orsolini delude ancora, per Skorupski solita incertezza fatale

Dominguez il migliore, bene anche Aebischer. Orsolini delude ancora, per Skorupski solita incertezza fatale

Tempo di Lettura: 3 minuti

I voti ai protagonisti di Bologna-Sampdoria 1-1.

Skorupski 5 – Come spesso gli capita, sbaglia la scelta su un’uscita alta e regala il pareggio ad una squadra che fino a quel momento non aveva mai tirato in porta. Riesce almeno ad evitare la sconfitta con un ottimo doppio intervento nel recupero.

Cambiaso 5,5 – A destra inizia con un buon piglio, quasi da esterno aggiunto, poi l’uscita di Lykogiannis lo dirotta di nuovo a sinistra e ritorna il giocatore impreciso e disattento visto finora.
Soumaoro 6,5 – Di testa le prende tutte (anche quella che Skorupski gli contende senza motivo in occasione dell’1-1), e al 90′ salva almeno il pari con una strepitosa scivolata ad anticipare Caputo, solo davanti alla porta.
Lucumí 6 – Solido e con buoni piedi, al 44′ appoggia una palla coi tempi perfetti per Dominguez ma la traversa dell’argentino gli nega la gioia dell’assist.
Lykogiannis s.v. – A causa delle conseguenze di un contrasto aereo con Leris esce in barella dopo appena 18 minuti.

Schouten 5,5 – Leggerino in più di una situazione, accusa fin troppo la ruvidità del match.
Medel 5,5 – Più che una partita di calcio è una lotta nel fango e lui combatte su ogni pallone con la sua caratteristica grinta, ma quando deve rincorrere in campo aperto gli avversari va in evidente difficoltà.

Aebischer 6,5 – Trova la miglior prestazione da quando veste rossoblù, propiziando il gol e interpretando bene un ruolo in cui a Bologna non l’avevamo mai visto. Abituato a scampoli di partita, cala vistosamente nella ripresa.
Dominguez 7 – Schierato sulla trequarti, è il migliore in assoluto: un gol, una traversa, tanta corsa, molta più grinta rispetto alle ultime uscite e una buona dose di qualità.
Orsolini 5 – Genera i primi borbottii di uno stadio che a fine partita ricoprirà la squadra di fischi. Al 70′ viene graziato da Piccinini perché un suo assurdo fallaccio su Rincon in mediana viene punito solo con un giallo.

Arnautovic 6 – Protagonista anche senza segnare, dà il là all’azione dell’1-0 con un tocco di prima fenomenale. A ridosso del pareggio doriano è poco reattivo su un pallone che danza per qualche secondo nell’area avversaria, poi al 79′ Motta decide a sorpresa di sostituirlo per far spazio a Zirkzee.

De Silvestri (18′ pt) 5,5 – Entra in corsa ma non riesce ad incidere e finisce la benzina prima di altri.
Ferguson 5,5 – L’uscita imprecisa di Audero a pochi secondi dalla fine gli consegna sulla testa un pallone sicuramente lento e complicato, ma sul quale avrebbe potuto tentare una frustata più convinta.
Sansone (28′ st) 5,5 – Cameo tutt’altro che indimenticabile.
Soriano (34′ st) s.v. – Entra al posto del migliore in campo senza sostituirlo degnamente.
Zirkzee (34′ st) s.v. – Gradirebbe affiancare Arnautovic, Motta gli risponde con un quarto d’ora al posto di Marko e la squadra lo lascia solo come un randagio.

Motta 5 – Un primo tempo persino oltre le aspettative, considerata la figuraccia di una settimana fa a Torino, col merito delle mosse tattiche legate a Dominguez ed Aebischer. Poi il Bologna scompare e lui non lo aiuta, operando cambi discutibili. La classifica si muove ad un ritmo preoccupante e la prossima avversaria sarà il Napoli, una delle squadre più in forma d’Europa.

Arbitro Piccinini e assistenti 5,5 – Il direttore di gara deve gestire una partita nervosa e piena di falli e cerca di farlo fischiando tanto, forse troppo. La già citata entrataccia di Orsolini su Rincon al 70′ meriterebbe il rosso, ma Piccinini opta per il giallo e dalla sala VAR non lo correggono.

Fabio Cassanelli

© Riproduzione Riservata

Foto: Getty Images (via OneFootball)