Il pagellone 2019/20 del Bologna: Barrow e Soriano sfavillanti, Mihajlovic e staff più forti di tutto. Mercato, stadio e gestione: la società guarda al futuro e non teme ostacoli

Tre giorni dopo la fine di un campionato che faremo fatica a dimenticare, chiuso dal Bologna al dodicesimo posto con 47 punti (record dell’era Saputo), ecco i miei voti per la stagione 2019-2020, corredati da una definizione flash che va a sintetizzare l’operato di ciascun protagonista rossoblù:

PORTIERI
Breza (acquistato a gennaio) n.g. – SPERANZA
Da Costa n.g. – MAESTRO
Sarr n.g. – GAVETTA
Skorupski 5,5 – ALTALENA

DIFENSORI
Bani 6,5 – BOMBER
Bonini (acquistato a gennaio) n.g. – INIZIO
Corbo n.g. – ENIGMA
Danilo 6,5 – COLONNA
Denswil 5 – FARFALLONE
Dijks 6 – REVENANT
Krejci 6 – TUTTOFARE
Mbaye 6 – SOLDATINO
Paz (ceduto a gennaio) n.g. – REALE
Tomiyasu 7 – BRASILIESE

CENTROCAMPISTI
Baldursson 6 – ICEMAN
Dominguez (acquistato a gennaio) 6 – TANGO NUEVO
Dzemaili (ceduto a gennaio) 6 – VOLÉE
Medel 6,5 – GARY GO
Poli 6,5 – CAPITANO
Ruffo Luci n.g. – AGRODOLCE
Schouten 6,5 – PALLA IN BANCA
Soriano 7,5 – NAZIONALE
Svanberg 6 – BELLO E POSSIBILE

ATTACCANTI
Barrow (acquistato a gennaio) 8 – BARRO’O
Cangiano n.g. – PERSONALITÀ
Juwara 6,5 – FUOCO D’ARTIFICIO
Orsolini 7 – BREAKING BAD
Palacio 7 – DIFERENTE
Sansone 5,5 – CAOS
Santander 5 – CRISTALLO
Skov Olsen 5 – CUCCIOLOTTO

ALLENATORE
Mihajlovic 8 – VITA
De Leo, Tanjga e staff tecnico 8 – RESILIENZA

SOCIETÀ
Bigon 6,5 – BISTRATTATO
Di Vaio 6,5 – GIRAMONDO
Fenucci 8 – SANGUE FREDDO
Sabatini 6 – ANTIPASTO
Saputo 8 – CUORE E PORTAFOGLIO

Simone Minghinelli

© Riproduzione Riservata

Foto: Getty/Imago Images