Soriano inventa, Barrow finalizza: i migliori in campo sono loro. Skov Olsen stecca anche questa

Soriano inventa, Barrow finalizza: i migliori in campo sono loro. Skov Olsen stecca anche questa

Skorupski 6 – Il Napoli lo preoccupa poco e lo buca alla prima e forse unica vera occasione da gol. Sulle uscite alte, accennate o sbilenche, qualche brivido c’è sempre.

Mbaye 6,5 – Gli annullano un gol per un fuorigioco di pochi centimetri, in difesa è sempre concentrato e limita molto bene Lozano e chiunque entri nella sua orbita. Tra i migliori.
Danilo 6,5 – Se il suo partner cambia spesso mentre lui non perde mai il posto, un motivo ci sarà. Al 94′ centra un palo dalla distanza che, a porte aperte, avrebbe fatto venire giù lo stadio.
Tomiyasu 6 – Dopo soli sette minuti perde malamente il duello di fisico ed esperienza con Manolas che costa lo 0-1. Per questo gli si accorda solo la sufficienza: senza quel neo, la sua pagella sarebbe stata diversa.
Krejci 6 – Nel primo tempo spalanca più di una prateria a Politano, ma dalla metà campo in su è sempre propositivo e dal suo mancino partono spesso traiettorie interessanti.

Medel 6 – Alla grande qualità degli avversari oppone la solita ringhiosa quantità.
Dominguez 6,5 – Si sta facendo le ossa in Serie A e cresce di partita in partita, tra palloni rubati, assist e occasioni create. Una volta integrato al 100%, sarà difficile per chiunque contendergli la maglia.

Skov Olsen 5,5 – Troppo timido, spesso si rifugia da Mbaye senza nemmeno provare a puntare l’uomo. Sinisa voleva una prestazione autorevole, ma Andreas non ha risposto ‘presente’ neanche questa volta.
Soriano 7 – Dà continuità alla buona prestazione di Parma offrendo un assist a Barrow e palloni che ‘cantano’ a profusione. Quando la manovra passa dai suoi piedi, le offensive del Bologna cambiano volto.
Barrow 7 – Se ha la palla giusta in area, fa gol. Che altro chiedere?

Palacio 6,5 – Il VAR vede un fuorigioco sì e no di una treccia, e gli cancella una rete che avrebbe coronato l’ennesima prestazione nel segno della qualità senza tempo. Nonostante il 2-1 divorato poco dopo.

Dijks (20′ st) 6 – Non gioca neanche mezzora, ma mette rapidamente in chiaro perché il titolare è lui. Maledetto infortunio…
Orsolini (20′ st) 5,5  – Prova a inventare qualcosa per dimostrare al mister che non merita la panchina, senza grandi risultati.
Poli (33′ st) 6 – Nei pochi minuti in campo, trova il tempo per fiondarsi su un cross di Barrow e mancare l’impatto per un soffio.
Baldursson (33′ st) 6 – Ha lo sguardo e la determinazione finora invocati invano in Skov Olsen.
Denswil (38′ st) s.v. – Rinvia bene di testa un paio di palloni, con il Bologna ormai riversato nella metà campo avversaria.

Mihajlovic 6,5 – Azzecca la formazione iniziale, non azzarda coi cambi e alla fine il Bologna rischia quasi di vincerla. Con merito.

Arbitro Piccinini e assistenti 6 – La tecnologia pare lavorare sui micrometri quando di mezzo c’è il Bologna, e dunque giusto annullare i due gol rossoblù. Non si pretende la ‘luce’, ma non sarebbe il caso di rivedere qualcosa nel regolamento?

Fabio Cassanelli

© Riproduzione Riservata

Foto: Imago Images