Bologna, il primo gol cambia tutto: media punti da Champions quando si porta in vantaggio, da retrocessione quando va sotto

Bologna, il primo gol cambia tutto: media punti da Champions quando si porta in vantaggio, da retrocessione quando va sotto

In 22 delle 35 partite di campionato giocate fino ad oggi, il Bologna è andato in svantaggio. In 3 casi è riuscito a mettere la testa davanti agli avversari e in 5 occasioni a pareggiare, ciò significa che i rossoblù in rimonta hanno trovato 14 punti.
Il pareggio a reti bianche dell’andata contro la Fiorentina ha portato in cascina un punto, mentre nelle 12 gare in cui sono riusciti a segnare per primi, i felsinei di punti ne hanno accumulati 25. Soltanto in un caso aprire le danze non ha regalato un passo avanti in classifica, quando alla quarta giornata i ragazzi di Mihajlovic si sono fatti riprendere un doppio vantaggio dal Sassuolo e hanno finito per capitolare. Per ben 7 volte, invece, il BFC ha racimolato il bottino pieno, accontentandosi di un pareggio nelle restanti 4.
Prima del match d’andata contro il Crotone, mantenere inviolata la porta di Skorupski sembrava allo stesso tempo una missione impossibile ma di vitale importanza, forse però non ci si è mai concentrati a sufficienza sui momenti della partita in cui i rossoblù prendono gol: quando riescono ad entrare per primi sul tabellino, viaggiano ad una media punti da Champions League, mentre sono da retrocessione quando subiscono la rete che rompe l’equilibrio.
Anche se di recente non lo si sta sottolineando molto, il Bologna ha raccolto il pallone nel sacco almeno una volta nelle ultime 11 sfide, in ben 8 di esse era andato in svantaggio e forse non è un caso se ha ottenuto solo 12 punti sui 33 disponibili. Dunque è abbastanza chiaro che la priorità sia registrare la difesa prima ancora che rinforzare l’attacco, ragionando magari su un aggiustamento tattico e solo dopo di nomi da reperire sul mercato. Citando il grande Enzo Bearzot, «primo: non prenderle». È da questa spinta che il BFC può trovare la forza per il tanto atteso salto di qualità.

Di seguito, nel dettaglio, le 22 partite in cui la squadra è andata in svantaggio e i relativi punti conquistati:

  1. Milan-Bologna 2-0 (0 punti);
  2. Benevento-Bologna 1-0 (0 punti);
  3. Lazio-Bologna 2-1 (0 punti);
  4. Bologna-Cagliari 3-2 (3 punti);
  5. Sampdoria-Bologna 1-2 (3 punti);
  6. Bologna-Napoli 0-1 (0 punti);
  7. Inter-Bologna 3-1 (0 punti);
  8. Bologna-Roma 1-5 (0 punti);
  9. Spezia-Bologna 2-2 (1 punto);
  10. Torino-Bologna 1-1 (1 punto);
  11. Bologna-Atalanta 2-2 (1 punto);
  12. Genoa-Bologna 2-0 (0 punti);
  13. Juventus-Bologna 2-0 (0 punti);
  14. Bologna-Milan 1-2, (0 punti);
  15. Cagliari-Bologna 1-0 (0 punti);
  16. Napoli-Bologna 3-1 (0 punti);
  17. Crotone-Bologna 2-3 (3 punti);
  18. Bologna-Inter 0-1 (0 punti);
  19. Roma-Bologna 1-0 (0 punti);
  20. Atalanta-Bologna 5-0 (0 punti);
  21. Fiorentina-Bologna 3-3 (1 punto);
  22. Udinese-Bologna 1-1 (1 punto).

Fabio Cassanelli

© Riproduzione Riservata

Foto: Imago Images