Rassegna stampa 03/07/2020

Rassegna stampa 03/07/2020

CORRIERE DI BOLOGNA

MUSA, È SEMPRE L’ORA DEL GOL. L’EUROPA PASSA DA BARROW

È arrivato a Bologna in gennaio e in poche gare ha portato dieci punti. Può essere l’uomo della svolta. Mihajlovic: «Non potrò mai essere contento perché ha talento per fare di più, voglio sia cattivo». Caldo, fatica e turnover: alla terza sfida in otto giorni Sinisa fa la conta dei suoi. Ancora fuori Mbaye, Poli, Santander e Skov Olsen, mentre Dijks potrebbe partire dalla panchina.

GAZZETTA DELLO SPORT

LA RINASCITA DI GARY. IL PITBULL DI BOLOGNA È TORNATO A MORDERE

Il cileno ha ritrovato la forma migliore dopo sei mesi difficili: «Il sogno è l’Europa». Nelle tre partite post COVID è sempre stato tra i migliori. Domenica farà ritorno a San Siro contro l’Inter, il club che lo ha portato in Italia nel 2014. Oggi la squadra si allenerà nel pomeriggio per abituarsi all’orario del match contro i nerazzurri (17:15). I problemi: infortunati ancora ai box, e i giovani non decollano.

REPUBBLICA

BARROW E I SUOI FRATELLI

Avanza il progetto giovani, anche se i punti (4 in 3 partite dopo il rientro) non fanno decollare la classifica. I migliori con il Cagliari sono stati i veterani Danilo, Medel e Palacio, ma la politica di lungo respiro del club è destinata a dare frutti. Ora 9 gare e 27 punti in palio per sognare l’Europa League, senza rinunciare al gioco offensivo.

RESTO DEL CARLINO

INTRAPRENDENTE E LETALE: ECCO IL NUOVO BARROW

Musa è il rossoblù che sta seguendo con maggior attenzione i consigli di Mihajlovic: più fame e cattiveria per trasformarsi in un campione totale. Fin qui 5 reti in 10 presenze: numeri alla mano va a segno ogni 78 minuti, come le punte più celebrate. Con l’Inter Dijks si riposa. Sinisa suona la carica per l’Europa, che dista cinque punti in classifica. Ma le pretendenti sono tante. A San Siro per tentare lo stesso colpaccio che riuscì al debutto del mister. Stadio provvisorio, parla il sindaco di Ravenna De Pascale: «Ci sono tutti i presupposti per lavorare insieme al Bologna. Non vorremmo un progetto mordi e fuggi, siamo pronti a investire sul Benelli e a realizzare collaborazioni sportive».

Foto: Imago Images