Rassegna stampa 10/11/2022

Rassegna stampa 10/11/2022

Tempo di Lettura: 2 minuti

Le notizie relative al Bologna presenti sui quotidiani in edicola oggi.

CORRIERE DI BOLOGNA

IL BOLOGNA CAPPOTTA

Una figuraccia a San Siro, l’Inter vince 6-1. Rossoblù avanti, poi è diluvio nerazzurro. La squadra parte bene ma scompare dopo il pari di Dzeko. Motta protesta: «La punizione da cui è nato il raddoppio dell’Inter non c’era e ha cambiato tutto, ma non si può perdere la testa così». Inzaghi: «La differenza la fa la testa. Il Bologna era in fiducia, noi siamo rimasti in partita». Arnautovic fischiato dal Meazza al momento del cambio.

GAZZETTA DELLO SPORT

INTER, 6 SEMPRE DA CHAMPIONS

Dimarco trascinatore con Dzeko e Lautaro: è di nuovo quarto posto. Il gol di Lykogiannis che porta in vantaggio il Bologna gela San Siro. Pareggio del bosniaco, poi i nerazzurri si scatenano. La moviola: non convince affatto la punizione dal limite fischiata al 34′ da cui nasce il 2-1 di Dimarco: Lucumí, che viene ammonito, interviene sul pallone. Ok il rigore per mani di Sosa.

REPUBBLICA

IL BOLOGNA COLA A PICCO

Una notte da dimenticare. Lykogiannis segna l’1-0 in una partita cominciata meglio dai rossoblù. Che poi però si fanno travolgere: finisce 6-1. Lucumí sbanda, Sosa crolla, Ferguson il meno peggio. Una grandinata come nei film di Bud Spencer. Il commento di Marrese: forse l’Inter ha segnato anche due gol nell’intervallo, ma non sono stati messi a referto. Sabato sera al Dall’Ara la sfida al Sassuolo per scrollarsi di dosso questa umiliazione.

RESTO DEL CARLINO

BOLOGNA, LUCI SPENTE A SAN SIRO: DILAGA L’INTER

Bruttissimo passo indietro dei rossoblù, che si portano in vantaggio con Lykogiannis e poi subiscono la rimonta e la goleada senza opporre resistenza. Thiago: «Fallo assurdo, ma noi malissimo. La punizione di Dimarco non c’era, ha cambiato la partita. Però non possiamo perdere la testa così: è colpa mia». Di Vaio duro: «Abbiamo smesso di giocare. Ora ci aspetta la sfida col Sassuolo, vogliamo chiudere bene al Dall’Ara prima della sosta mondiale». Dominguez spera di rientrare fra i convocati dell’Argentina di Scaloni. Aebischer e Skorupski ci sono, delusione Schouten: è fuori.

Foto: Getty Images (via OneFootball)