Rassegna stampa 19/01/2021

Rassegna stampa 19/01/2021

CORRIERE DI BOLOGNA

TOMIYASU, L’ULTIMO SAMURAI

Finalmente promosso pure da centrale: non ha saltato neanche un minuto in Serie A. Bravissimo contro il Verona, pungolato da Sinisa. Il nipponico cresce: è il valore aggiunto in difesa. Mihajlovic: «Tomi è meraviglioso ma anche poco malizioso. È proprio giapponese: gli manca la furbizia, pensa di spostare la punta ma è la punta a spostare lui». Il nome nuovo è Swiderski, va in scadenza nel 2022. Piace la punta polacca del PAOK.

GAZZETTA DELLO SPORT

IL SAMURAI DI MIHA

Tomiyasu forza 4: in difesa si moltiplica. Il giapponese dietro ha coperto tutti i ruoli. E Sinisa applaude: «È meraviglioso». Quest’anno è passato centrale, il suo ruolo naturale. Oggi lavoro in vista della Juve, Medel da valutare. Mercato: occhi puntati su Swiderski, può diventare il nuovo Piatek. Il club segue l’attaccante polacco che gioca nel PAOK Salonicco: in questa stagione ha segnato 7 gol in 15 partite.

REPUBBLICA

MAROCCHINO: «JUVE A TERRA, FARLE MALE ORA SI PUÒ»

Il doppio ex e la sfida di domenica a pranzo: «Se il Bologna avesse la mentalità del suo tecnico sarebbe subito dietro alle big. Pirlo inesperto e si sapeva, il margine con le altre si è ridotto. In mezzo giocano quelle che erano le riserve, e manca uno come Higuain. I rossoblù mi piacciono, Sinisa ha spirito». Mercato: in arrivo Faragò, Calabresi parte e va a Cagliari. La punta, se verrà acquistata, sarà un prospetto. Sondaggio per Swiderski, polacco classe 1997, ma costa 3-4 milioni. L’attacco potrebbe anche restare così.

RESTO DEL CARLINO

BOLOGNA, SANABRIA E SWIDERSKI NEL MIRINO

Si cerca una punta che costi 2-3 milioni. Per Sanabria il Betis ne chiede 6. In alternativa Mihajlovic dirotterà Barrow al centro dell’attacco. Offerto l’argentino Gaich dal CSKA. Occhi sul Paok Salonicco per Karol Swiderski, polacco di 23 anni. Ma il d.s. Bigon è a caccia anche di altri talenti. Quaison, Marcos Paulo, Urbanski e Theate: quattro nomi per giugno visto il probabile addio di Palacio e Santander, e forse pure di Medel. E intanto si aspetta l’inserimento di Faragò. Maifredi: «Ci vuole più ambizione. Il Bologna ha un proprietario potente come pochi, una città a misura di calciatore e un allenatore che tutti stimano: la salvezza è troppo poco».

Foto: Imago Images