Rassegna stampa 22/04/2021

Rassegna stampa 22/04/2021

CORRIERE DI BOLOGNA

EVVIVA IL CALCIO

Al Dall’Ara bella partita anche senza Super Lega, Mandragora risponde al gol di Barrow. Tra Bologna e Torino un pari che accontenta tutti. Nicola ha dato nuova linfa al club di Cairo, i fatidici 40 punti un’altra volta. Le pagelle: Soriano brilla, Skorupski para tutto il parabile. Dominguez colpito duro al ginocchio e fuori in barella. Domenica rossoblù a Bergamo contro l’Atalanta. Oggi summit tra Mihajlovic e Saputo.

GAZZETTA DELLO SPORT

IL TORO NON SI FERMA

Vantaggio con Barrow, Mandragora gol show. Poi il Bologna resiste all’assalto granata. Quarto risultato utile consecutivo per Nicola, punto prezioso per entrambi: Milinkovic favorisce il vantaggio rossoblù, quindi il capolavoro del play. Nel finale ospiti vicini al colpo. Verdi e Belotti, che rimpianti: sprecano due occasioni d’oro. Skorupski decisivo: un paio di interventi evitano il k.o. ai rossoblù. Il vertice: summit Miha-Saputo, oggi si parla di futuro e di alzare l’asticella. In giornata il tecnico del BFC incontro il patron prima che rientri in Canada. «La gara? Nessuna delle due meritava di vincere».

REPUBBLICA

BARROW COLPISCE, MANDRAGORA RIMONTA: IL PARI VA BENE A TUTTI

Il Toro agguanta l’1-1 dopo il vantaggio di Musa al 25′ su bella giocata di Soriano. Nella ripresa calo del gruppo di Mihajlovic. Il turnover di Sinisa non snatura i rossoblù, capaci comunque di soffrire. Partita equilibrata, domenica trasferta a Bergamo: il decimo posto dista tre punti. Le pagelle: Skorupski si esalta, Soriano illumina, Sansone non graffia. Il commento: l’ennesima occasione persa per cambiare vita.

RESTO DEL CARLINO

ORA BULGARELLI RIPOSERÀ VICINO ALL’AMICO PASCUTTI

L’urna con le ceneri di Giacomo, scomparso dodici anni fa, sarà deposta nella tomba all’interno del cortile del Cinerario della Certosa. Di nuovo insieme: le spoglie della bandiera rossoblù giacevano da due anni in un deposito, non lontano ci sono Ezio e il presidente Dall’Ara. Il grosso del lavoro l’hanno fatto il Comune, con in prima fila l’assessore allo sport Matteo Lepore, e il Bologna, da sempre sensibile all’obiettivo di dare una collocazione definitiva in Certosa ad uno degli uomini più importanti della sua storia.

Foto: Imago Images