Rassegna stampa 29/05/2020

Rassegna stampa 29/05/2020

CORRIERE DI BOLOGNA

IL 20 GIUGNO (FORSE) C’È LA JUVE

Ufficiale la data della ripresa della Serie A. Oggi il calendario. La capolista o un turno di pausa: il dilemma dei rossoblù. Se si ripartirà giocando i recuperi, la sfida contro i bianconeri sarà il 23 o il 24. Ulivieri soddisfatto: «Il calcio può essere soddisfatto, speriamo di concludere la stagione senza piani B o C». Due tamponi negativi di fila: sospiro di sollievo. L’esito degli esami per il membro dello staff che aveva fatto registrare una sospetta positività. Rientra l’allarme quarantena per la squadra. I giocatori oggi torneranno ad allenarsi in gruppo con partitelle e contrasti in campo. Abodi, presidente del Credito Sportivo: «Il costruttore c’è. Sul Dall’Ara tanti pronti ad investire».

GAZZETTA DELLO SPORT

BOLOGNA, NIENTE CLAUSURA

Ok il ‘sospetto positivo’. Il via libera al terzo tampone per il membro dello staff di Mihajlovic. E da oggi lavoro di gruppo. La Serie A può ripartire. L’Inghilterra riaprirà il 17 giugno, la Spagna l’11. Danimarca in campo con i tifosi collegati via Zoom: 8 megaschermi con 25 tifosi ciascuno piazzati a bordocampo, per far sentire la vicinanza dei sostenitori.

REPUBBLICA

QUI STANNO TUTTI BENE

Si può ricominciare dopo il secondo tampone negativo al componente dello staff. Bologna ha rischiato di diventare il laboratorio dell’emergenza COVID-19 applicato al calcio, ma per fortuna l’ultimo test ha dissipato ogni timore. Oggi la squadra torna ad allenarsi in gruppo. E la prima sfida, attesa per il 20 giugno salvo modifiche di calendario, è la più seducente di tutte: arriva la Juventus.

RESTO DEL CARLINO

SORRISO BOLOGNA

Doppio test negativo per il componente dello staff di Mihajlovic che era risultato positivo al primo tampone. Niente quarantena, oggi si torna in gruppo. Tutti di corsa, adesso non c’è più tempo da perdere. La ripresa al Dall’Ara sarà contro CR7. Oggi la Lega decide le date della Serie A. Soriano e compagni hanno giocato l’ultima partita il 29 febbraio sul campo della Lazio.

Foto: Damiano Fiorentini