Rassegna stampa 31/12/2022

Rassegna stampa 31/12/2022

Tempo di Lettura: 2 minuti

Le notizie relative al Bologna presenti sui quotidiani in edicola oggi.

CORRIERE DI BOLOGNA

MOTTA LANCIA LA SFIDA AL ‘MAESTRO’ MOURINHO

Non l’ha mai battuto e il Bologna troverà un Olimpico infuocato: attese 70 mila persone. «È uno dei ‘miei’ – raccontava Mou prima della partita contro Thiago nella passata stagione – e non parlo solo del Triplete. La gente non sa che io non l’ho conosciuto in quella grande Inter, bensì da ragazzino, nel Barcellona: quando mi mandavano ad allenare la Primavera lo osservavo e ho tanti bei ricordi su di lui». Mercoledì 4 gennaio il portoghese non sarà a bordocampo per squalifica e Motta medita il primo scherzetto.

GAZZETTA DELLO SPORT

VIGNATO IN USCITA, CON CHE FORMULA? POI TUTTO A SINISTRA

Dal rinnovo col fantasista passano prestito o cessione. Emanuel non rientra nei piani di Motta e, insieme a Kasius e Sansone, il club vorrebbe trovargli una sistemazione altrove per dargli minuti in campo. In salita la pista Doig (7-8 milioni), più facile Reabciuk (prestito con diritto di riscatto fissato a 3,5 milioni). Intanto, in vista della ripresa del campionato, ieri non si sono allenati Barrow e Skorupski, mentre Bonifazi si è fermato per una botta durante la partitella.

REPUBBLICA

MUSICA PER ERIBERTO, ADESSO È DIVENTATO UNA CANZONE

Si chiamano Materazi Future Club e nel primo album hanno dedicato un pezzo all’ex giocatore del Bologna. Cantato da Max Collini. «Troppo vecchio, dicevano. Fanculo. Corro più veloce e più a lungo di quei bambocci», intona con la sua inconfondibile cadenza emiliana l’ex voce degli Offlaga Disco Pax. Raccontando, più che cantando, le gesta italiane di un giocatore che s’è finto chi non era per convincere di poter stare nel mondo dei grandi del calcio.

RESTO DEL CARLINO

BOLOGNA, UNA SPINTA MONDIALE PER SOGNARE

Il bilancio del 2022. Prima della lunga sosta la squadra aveva trovato una precisa identità, trasformando in punti e vittorie le intuizioni di Thiago Motta. La mano dell’allenatore: dalla scoperta di Ferguson al rilancio di Posch. Musa in difficoltà: Barrow è il lontano parente della punta che aveva esaltato. Arnautovic: «L’Europa? È presto, adesso pensiamo solo alla Roma». Il bomber sul sito della Lega: «Abbiamo sofferto all’inizio, poi ci siamo ritrovati».

Foto: Getty Images (via OneFootball)